UNA GIORNATA AL “BELLOMO”